LA BANCA DEI SEMI DI REGGIO EMILIA ORGANIZZA UNO SCAMBIO DEI SEMI

Girasole con sfondo (1)

Il gruppo Movimento 5 Stelle di Vezzano sul Crostolo in collaborazione con la Banca dei Semi di Reggio Emilia e il Centro per la Riconciliazione tra i Popoli, il Disarmo totale e la Difesa del Creato,organizza un incontro di scambio dei semi a Cà Morosini di Montalto nel giorno di Domenica 6 Marzo.Essere custode di semi rientra nelle attività che il gruppo di Vezzano fa proprie per dare esempio di cittadinanza attiva e responsabile nell’ambito della Comunità Vezzanese ma rientra in un progetto globale denominato ‘Seed Savers’. L’erosione genetica, ovvero l’erosione della bio-diversità, è un fenomeno che caratterizza il nostro ultimo secolo di storia. L’industrializzazione dell’agricoltura ha sempre più spostato l’approvvigionamento di sementi dall’auto-produzione del contadino ai grandi produttori e distributori. La conseguenza più evidente di questo spostamento è la perdita di tante varietà orticole e fruttifere, ma anche animali, che caratterizzavano i nostri luoghi, la nostra cultura e soprattutto la nostra sovranità alimentare. Secondo il Center For Food Safety, un’organizzazione no profit degli Stati Uniti che si occupa di agricoltura e sovranità alimentare, www.centerforfoodsafety.org, dagli inizi del ‘900 a oggi si è perduto il 97% delle varietà di ortaggi. Nel bacino del Mediterraneo la perdita di biodiversità è stimata del 90%. Slowfood avverte: oggi in Italia il 45% delle varietà vegetali è a rischio e 194 varietà si stanno estinguendo. Oggi le multinazionali che monopolizzano la vendita di sementi sono: Monsanto, DuPont Crop Protection, Basf,BayerCrop Science, Dow AgroSciences, Syngenta Crop Protection. Queste, con la complicità di industrie alimentari e Governi, sono le vere responsabili dell’erosione della bio diversità. Un custode di semi è un custode del creato, soffre della perdita di una sola creatura che sia una pianta o un animale. Essere custodi significa essere responsabili gli uni degli altri, significa prendere coscienza che l’equilibrio della vita è nelle nostre mani, è il frutto di ogni piccola scelta che compiamo ogni giorno. Un bell’esempio di come possiamo riprenderci la sovranità sui semi e l’alimentazione è dato da una donna indiana che da oltre vent’anni combatte per questa causa, Dr Vandana Shiva http://www.navdanya.org/.

Domenica 6 Marzo, presso la casa di Paride Allegri e sede del Centro di Riconciliazione, alle 14:30, si terrà un incontro di scambio di semi. Scambiamo sementi che hanno potere produttivo e necessitano di essere mantenute vive anno dopo anno. Partecipa anche tu. Non occorre nessuna esperienza in campo agricolo, basta fare propria una causa così importante: quella di essere custodi del nostro pianeta.

Per info Stefano 3391598155; moramoras@libero.it